COVER REVEAL: Soundless

Categorie: angst / Cover reveal / m/m / New Adult / Prologo / Robin C / self publishing / Soundless / Standalone

0 0
COVER REVEAL: Soundless

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

Sinossi

Christopher

Non avrei dovuto cedere alla tentazione di avvicinarlo. Non avrei dovuto sedurlo e farlo innamorare di me. Eppure era accaduto ed era stato destabilizzante, perché amare Thomas non aveva soltanto appagato la carne, mi aveva anche sconvolto l’anima. E non me lo potevo permettere.
Ero un Brooks. Il destino associato al mio nome non avrebbe mai contemplato sentimenti come quelli che provavo nei suoi confronti.
Per questo gli avrei spezzato il cuore senza pensarci due volte.

Thomas

Stare con Christopher aveva significato coronare il sogno più grande della mia vita. Poter finalmente amare l’uomo che avevo creduto irraggiungibile per molto tempo. Se avessi saputo quanto male mi avrebbe fatto, forse, sarei scappato a gambe levate.
O forse no, perché allontanarmi da lui era l’unica cosa che non sarei mai stato in grado di fare.
Avevo dunque aperto le braccia e mi ero lasciato distruggere.

Data di pubblicazione:

25 Febbraio 2021

Genere:

New adult m/m

Standalone

Edizioni:

Self Publishing

Sinossi

Christopher

Non avrei dovuto cedere alla tentazione di avvicinarlo. Non avrei dovuto sedurlo e farlo innamorare di me. Eppure era accaduto ed era stato destabilizzante, perché amare Thomas non aveva soltanto appagato la carne, mi aveva anche sconvolto l’anima. E non me lo potevo permettere.
Ero un Brooks. Il destino associato al mio nome non avrebbe mai contemplato sentimenti come quelli che provavo nei suoi confronti.
Per questo gli avrei spezzato il cuore senza pensarci due volte.

Thomas

Stare con Christopher aveva significato coronare il sogno più grande della mia vita. Poter finalmente amare l’uomo che avevo creduto irraggiungibile per molto tempo. Se avessi saputo quanto male mi avrebbe fatto, forse, sarei scappato a gambe levate.
O forse no, perché allontanarmi da lui era l’unica cosa che non sarei mai stato in grado di fare.
Avevo dunque aperto le braccia e mi ero lasciato distruggere.

Data di pubblicazione:

25 Febbraio 2021

Genere:

New adult m/m

Standalone

Edizioni:

Self Publishing

COVER REVEAL: Soundless

Robin C.

Directions

Share

Data di Pubblicazione 25 Febbraio 2021

Prologo

THOMAS

   Università della California, Berkeley

 Luglio 2010

Con il viso affondato nel cuscino, sento che appoggi la fronte tra le mie scapole mentre ti riappropri di un corpo che alla luce del sole fingi di non volere. Un soffio caldo mi sfiora la schiena, la tua mano si dischiude sul mio ventre, e mi stringi a te.

Gesti che mi illudono su ciò che stiamo facendo. Che mi spingono a credere che sia vero, che sia giusto. 

Che sia amore.

Dalle tue labbra sfugge un lamento roco. Mi riverbera nel petto, nei fianchi, lungo l’uccello teso. Hai sempre un tono straziato quando godi ed è la mia armonia preferita fra tutte: la resa di un uomo che continua a mentire a parole e a dire la verità con il corpo. 

Non un pensiero gentile, però, mentre spingi ferocemente. Perché fottermi senza alcuna barriera è l’unica cosa che ti interessa. Perché con me ti piace così: scopare coniugato al presentesempre. So che non dovrei arrendermi in questo modo, che non lo meriti, ma quando ti avvicini per reclamarmi, nulla ha più importanza, nemmeno la mia dignità. 

E mentre cerco di non pensare a quanto male starò quando tornerai a guardarmi con occhi distanti, una stoccata violenta mi schianta contro la testiera del letto.  Emetto un gemito acuto di piacere misto a dolore e tu di colpo ti fermi. 

«Non urlare, porca puttana! Sei impazzito?», ansimi, nervoso, arrogante. Poi con una mano provvedi a tapparmi la bocca, preoccupato del fatto che la donna che ci aspetta al piano di sotto possa sentirci. 

«Devi stare zitto», ripeti tra i denti serrati.

In un gesto di inutile ribellione la mordo, tu la allontani e io torno a respirare. Ma il sollievo che provo è di breve durata. Con quella stessa mano mi afferri per i capelli e mi tiri su, inarcando la mia schiena con prepotenza. «Volevi farmi male, Tommy? Tu a me? Dio, fai proprio tenerezza», sibili, mentre ti pianti secco tra le mie natiche. Una, due, tre volte.  Il piacere si dissemina in ogni cellula del mio corpo. Mi dilania la carne. Il cuore. 

E io ti amo, cazzo.

Poi vieni in un grugnito lungo e rauco, riempiendomi di te. Il secondo dopo sei sdraiato al mio fianco, con il petto che si solleva e ridiscende per l’orgasmo.  «Mi hai lasciato un segno», ti osservi la mano, rigirandola davanti agli occhi. «Mi stavi soffocando», mormoro, con la faccia ancora immersa nel cuscino e i muscoli dolenti. «Hai urlato troppo forte. Sai che quando c’è lei dobbiamo fare attenzione». «Allora, quando c’è lei, dovresti evitare di scoparmi».

«Mi hai provocato». «Stavo soltanto facendo una doccia». «Appunto», sorridi, «nudo e bagnato…».   «Dio, sei proprio uno stronzo». Scrolli le spalle e ti rimetti seduto, poi raccogli da terra i pantaloncini da basket e la maglietta. Li indossi velocemente e ti dai una controllata allo specchio, sistemando i capelli. Infine, ti volti di nuovo verso di me. «Sbrigati a rivestirti. Jennifer si starà chiedendo dove siamo finiti».

Chiudo gli occhi per un istante, per non vederti lì, in piedi in tutta la tua vergognosa bellezza e di nuovo nei panni del fidanzatino perfetto. «Va’ avanti tu, Chris. Io devo…», con le mani indico il disastro che hai lasciato tra le mie gambe.  «Sistemati, ma fa’ veloce o arriverai tardi a lezione». Poi ti riavvicini, appoggi un bacio leggero sulle mie labbra e corri da lei.

Robin C.

Segui l’autore 

(Visited 374 times, 1 visits today)
previous
Vanitiromance Week
next
Be my Valentine
previous
Vanitiromance Week
next
Be my Valentine

Aggiungi il tuo commento

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto