Absence- L’altro volto del cielo

Categorie: Absence / Chiara panzuti / Fazi Editore / L'altro volto del cielo / Recensione / Serie / Young Adult

0 0
Absence- L’altro volto del cielo

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

Sinossi

In L’altro volto del cielo, nuovo capitolo della trilogia di Absence, è trascorso appena un mese dall’inizio del gioco insidioso di cui l’uomo in nero tiene le fila, e le coordinate dell’ultimo biglietto conducono Faith e i suoi compagni a Est. L’invisibilità è diventata per Faith, Jared, Scott e Christabel una strana routine, per sopravvivere in un mondo che non ha memoria di loro, e il motivo che li spinge a continuare il viaggio intrapreso per tornare a esistere. Ma il siero NH1 comincia a indebolire il fisico dei ragazzi e la conquista dell’antidoto si fa sempre più indispensabile. Soltanto Faith sembra resistere agli effetti collaterali e sviluppa un’inaspettata prontezza fisica e mentale. Sotto l’ombra dell’Illusionista e sulle tracce dei biglietti dell’uomo in nero, i ragazzi della squadra Gamma fronteggiano più volte le squadre degli Alfa e dei Beta: il gioco, però, comincia a svelare il suo lato crudele, che non accetta provocazioni né debolezze. Dopo uno scontro violento con una squadra avversaria nella base navale di Changi Bay, a Singapore, Faith scoprirà alcuni risvolti delle regole spietate dell’Illusionista e si troverà faccia a faccia con l’altro volto della competizione e di se stessa. Secondo volume della trilogia, L’altro volto del cielo mette in scena la battaglia interiore che divide Faith tra la lealtà verso i suoi amici e la fascinazione per un futuro da combattente, dimentica di tutti e da tutti dimenticata. A cosa saremmo disposti a rinunciare se ci venisse offerta una nuova possibilità per riaffermare noi stessi? La nostra identità consiste più nel ricordo di ciò che eravamo o in ciò che ancora possiamo essere? Un libro magnetico e profondamente attuale, dove la battaglia più difficile è quella con noi stessi.

Data di pubblicazione

10 Maggio 2018

Genere: Young Adult

Serie: Absence#2

Editore: Fazi

Sinossi

In L’altro volto del cielo, nuovo capitolo della trilogia di Absence, è trascorso appena un mese dall’inizio del gioco insidioso di cui l’uomo in nero tiene le fila, e le coordinate dell’ultimo biglietto conducono Faith e i suoi compagni a Est. L’invisibilità è diventata per Faith, Jared, Scott e Christabel una strana routine, per sopravvivere in un mondo che non ha memoria di loro, e il motivo che li spinge a continuare il viaggio intrapreso per tornare a esistere. Ma il siero NH1 comincia a indebolire il fisico dei ragazzi e la conquista dell’antidoto si fa sempre più indispensabile. Soltanto Faith sembra resistere agli effetti collaterali e sviluppa un’inaspettata prontezza fisica e mentale. Sotto l’ombra dell’Illusionista e sulle tracce dei biglietti dell’uomo in nero, i ragazzi della squadra Gamma fronteggiano più volte le squadre degli Alfa e dei Beta: il gioco, però, comincia a svelare il suo lato crudele, che non accetta provocazioni né debolezze. Dopo uno scontro violento con una squadra avversaria nella base navale di Changi Bay, a Singapore, Faith scoprirà alcuni risvolti delle regole spietate dell’Illusionista e si troverà faccia a faccia con l’altro volto della competizione e di se stessa. Secondo volume della trilogia, L’altro volto del cielo mette in scena la battaglia interiore che divide Faith tra la lealtà verso i suoi amici e la fascinazione per un futuro da combattente, dimentica di tutti e da tutti dimenticata. A cosa saremmo disposti a rinunciare se ci venisse offerta una nuova possibilità per riaffermare noi stessi? La nostra identità consiste più nel ricordo di ciò che eravamo o in ciò che ancora possiamo essere? Un libro magnetico e profondamente attuale, dove la battaglia più difficile è quella con noi stessi.

Data di pubblicazione

10 Maggio 2018

Genere: Young Adult

Serie: Absence#2

Editore: Fazi

Absence- L’altro volto del cielo

Chiara Panzuti

Directions

Share

Prima di iniziare a leggere la recensione, vi invito a leggere il primo libro della trilogia Absence, Il gioco dei quattro, per evitare eventuali spoiler. Lettrici avvisate mezze salvate.

Il finale di Absence l’avevo associato alla citazione calcistica “zero a zero… palla al centro”. Infatti, con L’altro volto del cielo, il secondo volume della trilogia, la lotta per la vittoria ricomincia.

Tre squadre: Alfa, Beta e Gamma. Quattro ragazzi per squadra disposti a tutto pur di vincere.

La voce narrante è sempre quella di Faith, la quale si è ritrovata “cancellata” dal suo mondo. Stessa sorte è accaduta a tutti gli altri protagonisti.

Lei e i suoi compagni di squadra sono alla ricerca della verità, e devono lottare per riacquistare la loro identità. Sono costretti a vivere di nascosto, strisciare lungo i muri per non essere di intralcio alle persone e alloggiare in camere di hotel nella speranza di poter dormire qualche ora.

Nessuno li vede, nessuno li sente. Le persone amate non hanno alcun ricordo di loro…come se non fossero mai esistiti. E soprattutto nessuno li deve scoprire. Se così fosse, resterebbero “invisibili” per sempre.

Ma come fare per tornare a essere visti?

Non possono fare altro che stare al gioco dell’Illusionista, colui che impartisce le regole.

Un nuovo viaggio. Un nuovo foglietto. Nuove coordinate da seguire. 

“Singapore verde. Sotto gli alberi del futuro – 130 ore”

Il siero NH1 che è stato iniettato loro, sta avendo i suoi effetti collaterali. Ogni personaggio reagisce in modo diverso: c’è chi si indebolisce, chi perde fiducia in se stesso, e chi invece trova la forza di volontà per reagire. Ed è proprio la rabbia e la voglia di sopravvivenza che trasformano Faith in Dr. Jekyll e Mr. Hyde.

“La sentivo, la paura, era ancora da qualche parte, incastrata tra lo sterno e i polmoni. Ma il terrore aveva perso il suo effetto, l’istinto di autoconservazione stava lasciando il posto a una calcolata freddezza. La mia malattia, il mio effetto collaterale, il mio cancro. Ero pronta a venire fuori.”

Faith non vuole fermarsi di fronte a nulla e a nessuno. Sua madre potrà mai tornare a ricordarla? Tutto ciò che sta vivendo sembra irreale, anche se aver incontrato Jared, Scott e Christabel ha portato qualcosa di nuovo nella sua vita. Ora loro sono la sua famiglia.

Chissà cosa sarebbe accaduto, se avesse incontrato Jared nella normalità. Sicuramente ora è il suo porto sicuro. E tra le sue braccia riesce a trovare qualche secondo di pace.

“L’inizio con Jared Price corrispondeva alla fine dell’Illusionista. E non solo per conoscere lui, ma anche per far conoscere a lui la vera me. Quella che aveva un senso, prima di diventare invisibile.”

Ma poi tutto torna come prima. Costretta a impugnare un coltello per difendere la vita dei suoi nuovi amici, le sue emozioni prendono il sopravvento.

Ogni pagina di Absence #2 è intrisa di suspense. La voglia di scoprire i piani dell’Illusionista è talmente forte, e la necessità di continuare a leggere sovrasta tutto.

Troppe sono le domande che vorticano nella testa capitolo dopo capitolo, e ci si ritrova a “giocare” assieme ai personaggi del libro.

Se lo analizziamo bene, non è un gioco. È una vera e propria guerra tra fazioni, alla ricerca di risposte. È come essere catapultati in un’altra vita, senza essere stati avvisati.

Chi vincerà?

Chi vivrà?

Chi si potrà riappropriare della propria identità?

Esiste davvero la possibilità di ritornare alla propria esistenza?

Sono davvero tanti i quesiti, che portano a logorare l’anima di ognuno di loro.

La posta in gioco è troppo alta, ma che cosa ha in serbo l’Illusionista per Faith e la sua squadra? Che cosa si nasconde dietro le quinte di questo gioco?

“I castelli cadono, le fondamenta cedono, le parole perdono valore. Malgrado le promesse infrante, lui restava un fratello, Christabel una sorella e Jared… restava Jared. Per questo mi sarei battuta, perché nonostante tutto ci si rialza, si ricomincia daccapo, e si ridefinisce quella che chiamiamo identità.”

Non si può non dirlo: Chiara Panzuti ha un dono. E le auguro di poterlo coltivare e continuare a nutrirlo.

Sa intrecciare più personaggi nello stesso libro senza lasciare nulla al caso. Direi che ha quasi una mente machiavellica. Niente è scontato o scritto in maniera banale. Un plot alquanto articolato e costruito con esemplare precisione.

Ha la capacità di mantenere sempre alta l’attenzione durante la lettura, grazie al ritmo incalzante della storia. Absence #2 lo definirei davvero “Il suspense adrenalinico”. È come ritrovarsi con la quinta già ingranata, senza avere la possibilità di rallentare, e pertanto bisogna solo restare in corsa ed evitare gli ostacoli.

Mi complimento davvero con Chiara Panzuti, e sono onorata di aver letto in anteprima il suo libro, perché quando una scrittrice italiana ha tutte le carte in regola bisogna gridarlo a gran voce.

Ora non ci resta che attendere il terzo volume della trilogia, e mi auguro di non dover aspettare troppo.

Nel frattempo, come Faith, resto in guardia. Ascolto ogni piccolo suono che mi circonda e mi tengo pronta ad attaccare.

Silvia

Chiara Panzuti

AcquistaAmazon  |  Kobo  |

Segui l’autore:

 

(Visited 98 times, 1 visits today)
previous
Duo Cobalto
next
Vanitiromance Week
previous
Duo Cobalto
next
Vanitiromance Week