La parte sinistra

Categorie: Contemporary Romance / La parte sinistra / Laura Vegliamore / Recensione / Standalone / words edizioni

0 0
La parte sinistra

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

Sinossi

Uno scambio di persona fa incontrare Leonardo e Nina. Un fraintendimento, un’istintiva rabbia, poi un’inaspettata connessione. E dalla mente di Leonardo, Nina non riesce proprio andare via. È così che inizia il loro rapporto, che si regge su una superficie precaria, al di sotto della quale fluttuano omissioni e dolori, cuori che battono forse più forte di quello che vorrebbero. Senza comunque riuscire a smettere di farlo. È un racconto di frammenti di vite, quello che ci propone Laura Vegliamore in questo “La parte sinistra”, che arriva cronologicamente dopo “Novembre”, ma è qualcosa di completamente diverso, di nuovo. Perché, in fondo, Leonardo e suo fratello Adriano sono gemelli, sì, ma completamente diversi nell’animo.
Qui troviamo un Leonardo che ama e che ha paura, che soffre e gioisce, che vuole andare avanti, liberandosi di ciò che lo tiene ancorato al rancore e alla rabbia. E Nina, che avanti c’è già, che è cresciuta per forza. Qualcosa di puro, qualcosa di estremamente delicato li unisce. E il pericolo che proprio la paura di farlo crollare possa alla fine mandarlo in frantumi, aleggia sulle teste di entrambi.
“La parte sinistra” è strutturato per accompagnare il lettore per mano nella vita di persone complicate e semplici allo stesso tempo, vere e mai finte sia nel bene che soprattutto nei momenti di difficoltà.

Data di pubblicazione:

12 Maggio 2022

Genere:

Contemporary romance

Edizioni:

Words Edizioni

Spin off di Novembre e contiene un capitolo extra che ha per protagonista il personaggio di Mauro, padre dei gemelli Adriano e Leonardo. Può essere letto in maniera indipendente dal primo romanzo, ma si consiglia comunque la lettura di entrambi per una migliore comprensione della storia

Sinossi

Uno scambio di persona fa incontrare Leonardo e Nina. Un fraintendimento, un’istintiva rabbia, poi un’inaspettata connessione. E dalla mente di Leonardo, Nina non riesce proprio andare via. È così che inizia il loro rapporto, che si regge su una superficie precaria, al di sotto della quale fluttuano omissioni e dolori, cuori che battono forse più forte di quello che vorrebbero. Senza comunque riuscire a smettere di farlo. È un racconto di frammenti di vite, quello che ci propone Laura Vegliamore in questo “La parte sinistra”, che arriva cronologicamente dopo “Novembre”, ma è qualcosa di completamente diverso, di nuovo. Perché, in fondo, Leonardo e suo fratello Adriano sono gemelli, sì, ma completamente diversi nell’animo.
Qui troviamo un Leonardo che ama e che ha paura, che soffre e gioisce, che vuole andare avanti, liberandosi di ciò che lo tiene ancorato al rancore e alla rabbia. E Nina, che avanti c’è già, che è cresciuta per forza. Qualcosa di puro, qualcosa di estremamente delicato li unisce. E il pericolo che proprio la paura di farlo crollare possa alla fine mandarlo in frantumi, aleggia sulle teste di entrambi.
“La parte sinistra” è strutturato per accompagnare il lettore per mano nella vita di persone complicate e semplici allo stesso tempo, vere e mai finte sia nel bene che soprattutto nei momenti di difficoltà.

Data di pubblicazione:

12 Maggio 2022

Genere:

Contemporary romance

Edizioni:

Words Edizioni

Spin off di Novembre e contiene un capitolo extra che ha per protagonista il personaggio di Mauro, padre dei gemelli Adriano e Leonardo. Può essere letto in maniera indipendente dal primo romanzo, ma si consiglia comunque la lettura di entrambi per una migliore comprensione della storia

Laura Vegliamore
Nata a Roma nel 1989. Dopo essersi diplomata in recitazione all’Accademia Internazionale di Teatro si è trasferita a Parigi dove ha vissuto per tre anni, lavorando come agente museale. Appassionata di storia e luoghi antichi, lettrice devota fin dall’infanzia, ha sempre adorato scrivere e, una volta tornata in Italia, si è decisa a dedicarsi a questa passione anima e corpo. Ha pubblicato il romanzo storico Terraferma. Per Words Edizioni ha esordito con il romanzo di narrativa contemporanea Novembre. La parte sinistra è lo spin off di Novembre.

Laura Vegliamore
Nata a Roma nel 1989. Dopo essersi diplomata in recitazione all’Accademia Internazionale di Teatro si è trasferita a Parigi dove ha vissuto per tre anni, lavorando come agente museale. Appassionata di storia e luoghi antichi, lettrice devota fin dall’infanzia, ha sempre adorato scrivere e, una volta tornata in Italia, si è decisa a dedicarsi a questa passione anima e corpo. Ha pubblicato il romanzo storico Terraferma. Per Words Edizioni ha esordito con il romanzo di narrativa contemporanea Novembre. La parte sinistra è lo spin off di Novembre.

La parte sinistra

Laura Vegliamore

Directions

Share

Durante la lettura di Novembre, il precedente romanzo di Laura Vegliamore di cui La parte sinistra è lo spin-off, la figura di Leonardo mi colpì immediatamente: era un ragazzo così umanamente presente per la famiglia, un fratello rassicurante e protettivo, fragile e forte allo stesso tempo ma che dietro la maschera del ragazzo brillante nascondeva l’inferno. Un personaggio che non meritava di restare secondario rispetto agli altri.

Sapevo che la sua storia sarebbe stata emozionante e delicata sotto molti aspetti, sciolta in una trama dove la conflittualità di tutte le emozioni che ruotano intorno al poetico sentimento dell’amore, cattura totalmente l’attenzione tanto da non deludere le mie aspettative.

In questo volume ritroviamo Leonardo ormai trentenne, un uomo chiuso nella sua routine solitaria, con un’anima intrisa di rabbia e profondo rancore. Lui sempre a disagio davanti a tutti, estremamente insicuro, dai modi burberi ma dal cuore immenso, pieno di dolcezza che andrebbe solo riscoperta.

Lo immaginavo durante la lettura mentre apriva gli occhi al mattino borbottando e poi faceva colazione maledicendo il mondo e soffocando la smania di rivalsa contro tutti, di farcela da solo senza essere più costretto a farsi “sostenere” dagli altri.

“Se hai bisogno ti puoi appoggiare a me”

Lo scontro con Nina lo sbalza indietro con la mente a sedici anni prima, riportando a galla ricordi terribili che credeva non facessero ancora così male. Perché quella ragazzina è riuscita in mezzo secondo a strattonare le sue emozioni facendolo sentire di nuovo inadeguato? E perché nonostante l’odio immediato verso di lei, sente la necessità di sapere di più, conoscerla e toccarla?

 “Ciao Leonardo”

Preso alla sprovvista, ucciso in due secondi. È che ha questa voce che mi fa un po’ impazzire.

“Ciao Nina “

Nina è l’imprevisto, la variabile nella vita di quest’uomo reciso in mille pezzi, reso arido da un dolore silenzioso che gli circola nelle vene più del sangue. Nina è la speranza della felicità e la paura del fallimento, è una donna che si nasconde dentro il corpo di una ragazzina portando con sé delle sorprese speciali che la rendono in breve tempo essenziale per Leonardo. Nina è l’amore, quello che Leonardo si è sempre negato e che ora deve subire, affrontare e vivere. Il loro è un legame impercettibile che dapprima li travolge stordendoli e poi li assesta in un equilibrio stabile fatto di condivisione, di sorrisi, di confidenze, di silenzi pieni di rumore e di tutte quelle emozioni che riempiono il cuore.

“Il mondo diventa Nina, Nina diventa l’universo. L’ossigeno, la pelle, il sudore, il respiro. Io e lei, Nina e basta”

Leonardo si immerge completamente nell’amore che prova per lei, come un’ancora da cui trarre la forza per fare cose che mai avrebbe sperato di poter fare, che lo fa sentire forte, invincibile, un supereroe. Ma per essere felici in modo totalitario è sempre necessario affrontare i propri demoni, non è possibile spingerli in fondo all’anima e sperare che da lì non si spostino più e quando arriva il momento di aprirsi, ecco che torna fondamentale il ruolo della famiglia, l’importanza della presenza delle persone intorno alle quali tutto ruota. Affetti importanti che possono aiutare ad affrontare e sconfiggere la paura di tornare a vivere e che consolano attraverso abbracci in cui immergersi quando la disperazione riaffiora.

“Credici, porca puttana. Guarisci, cazzo. Fa sparire tutto, smetti di avvelenarti il cervello. Togliti tutti i pensieri orrendi, alza la testa e prenditi tutta la felicità che ti spetta”

Una lettura che sul finale mi ha conquistata completamente per le mille sfumature di questo protagonista così bello che non riuscirò a dimenticare così facilmente. Un personaggio che regala un senso di soddisfazione nel vederlo aprirsi di nuovo dopo anni di chiusura emotiva, tornare a sorridere grazie a Nina, capire che sta tornando a respirare senza che il fiato si spezzi di paura. È stato consolatorio percepire il momento esatto in cui ha affidato la sua anima al perdono: verso suo fratello, verso sua madre, verso sé stesso.

La parte sinistra ritrova il filone romance che in Novembre è stato quasi assente e relegato solo al margine della trama. È stato inevitabile mettere a confronto i due romanzi perché emerge un enorme cambiamento di stile da parte di Laura Vegliamore che si è rinnovata snellendo la sua prosa, alleggerendola da orpelli con dialoghi intensi ma mai pesanti in cui si percepisce anche una certa ironia. L’autrice è riuscita a rendere palpabili le emozioni rendendo la lettura perfetta e ha saputo conquistarmi fino all’ epilogo e oltre con un capitolo extra su Mauro, padre straordinario di Adriano e Leonardo. Mi ha colpito il suo non descrivere fisicamente i personaggi se non per alcune peculiarità, lasciando al lettore la fantasia di immaginarli a suo piacimento.

In questo romanzo la storia d’amore è viva e sempre costante, nonostante si snodi attraverso il percorso personale di sofferenza che Leonardo è chiamato ad affrontare per arrivare finalmente alla serenità tanto sperata per sé stesso. Il suo personaggio, attraverso l’amore, rinasce e ritrova la giustizia perduta, impara a sorridere di nuovo e a conoscere il valore infinito dell’amore, capisce che non ha senso avere un cuore se non lo si mette mai alla prova.

Due protagonisti che faranno breccia nel cuore dei lettori più romantici e lì resteranno per molto, moltissimo tempo.

“Ti sei presa una bella parte di me, Mortadella. La metà sfondata. Quella peggiore, la sinistra. È tua adesso”

La lettura de La parte sinistra è stato un viaggio meraviglioso pieno di emozioni malinconiche e toccanti e rappresenta la chiusura di un percorso emotivo iniziato nel romanzo precedente, che necessitava di essere raccontato perché è proprio da Leonardo che tutto ha inizio.  Finalmente la sua storia…, che non poteva arrivare prima semplicemente perché abbisognava della conoscenza del suo gemello Adriano raccontato in Novembre, motivo per il quale pur essendo i due romanzi autoconclusivi, ne consiglio la lettura in ordine cronologico di uscita.

Wanessa

Laura Vegliamore

Segui l’autore  

Acquista il libro: Amazon

Potrebbe piacerti anche...

LA NOSTRA RECENSIONE

(Visited 535 times, 1 visits today)
previous
PRESENTAZIONE: L’uomo giusto per me
next
PRESENTAZIONE: Mettiti in posa
previous
PRESENTAZIONE: L’uomo giusto per me
next
PRESENTAZIONE: Mettiti in posa

Aggiungi il tuo commento