Di mercoledì

Categorie: Contemporary Romance / Di mercoledì / Rebecca Quasi / Recensione / self publishing / Standalone

0 0
Di mercoledì

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

Sinossi
Prendere una sbandata con i fiocchi per la preside del liceo della propria figlia e avviare una comoda, ma segreta, non-relazione a sfondo sessuale, potrebbe rivelarsi un tantino impegnativo, soprattutto se, a causa di un divorzio fuoco e fiamme, non si conosce affatto questa figlia dalla vita sociale pari a zero e si vive in una città di provincia.
Ecco ciò che accade a Michele Bastiamante, editore di successo, e a Nera Valdraghi, preside di un liceo.
La disinvoltura di Michele si scontrerà con il perbenismo di Nera in uno scambio tra il serio e il faceto che ridisegnerà la vita di entrambi.
La sua accompagnatrice scostò la porta, lui entrò e la prima immagine che ebbe della preside del liceo scientifico “Niccolò Copernico” fu il suo fondoschiena. Il suo magnifico fondoschiena, per essere precisi. La donna era china a novanta gradi in una posizione piuttosto precaria che le consentiva, però, di armeggiare con i fili del computer che pendevano tra il muro e la scrivania.
«Ma porco giuda, Cavalli» imprecò, «si può sapere chi ha incasinato così i fili?»
Michele tossì. Gli sembrò la cosa più elegante da fare per segnalare che non era Cavalli. La donna si tirò su di scatto, rivelando, come seconda immagine, una chioma rossa, lunga e tutt’altro che adatta al ruolo di dirigente scolastico. Perfettamente in pendant con il fondoschiena, però. Infine, girandosi, esibì il viso, un ovale bello e freddo, con due occhi metallici e chiarissimi che mettevano in ombra tutto il resto. Anche il fondoschiena, il che era tutto dire.
«Michele Bastiamante?» domandò. Non sembrava per nulla imbarazzata dall’essere stata sorpresa a imprecare come un carrettiere.
«Sono io.»

Data di pubblicazione:

18 Maggio 2020

Genere:

Contemporary romance

Edizioni:

Self publishing

Sinossi
Prendere una sbandata con i fiocchi per la preside del liceo della propria figlia e avviare una comoda, ma segreta, non-relazione a sfondo sessuale, potrebbe rivelarsi un tantino impegnativo, soprattutto se, a causa di un divorzio fuoco e fiamme, non si conosce affatto questa figlia dalla vita sociale pari a zero e si vive in una città di provincia.
Ecco ciò che accade a Michele Bastiamante, editore di successo, e a Nera Valdraghi, preside di un liceo.
La disinvoltura di Michele si scontrerà con il perbenismo di Nera in uno scambio tra il serio e il faceto che ridisegnerà la vita di entrambi.
La sua accompagnatrice scostò la porta, lui entrò e la prima immagine che ebbe della preside del liceo scientifico “Niccolò Copernico” fu il suo fondoschiena. Il suo magnifico fondoschiena, per essere precisi. La donna era china a novanta gradi in una posizione piuttosto precaria che le consentiva, però, di armeggiare con i fili del computer che pendevano tra il muro e la scrivania.
«Ma porco giuda, Cavalli» imprecò, «si può sapere chi ha incasinato così i fili?»
Michele tossì. Gli sembrò la cosa più elegante da fare per segnalare che non era Cavalli. La donna si tirò su di scatto, rivelando, come seconda immagine, una chioma rossa, lunga e tutt’altro che adatta al ruolo di dirigente scolastico. Perfettamente in pendant con il fondoschiena, però. Infine, girandosi, esibì il viso, un ovale bello e freddo, con due occhi metallici e chiarissimi che mettevano in ombra tutto il resto. Anche il fondoschiena, il che era tutto dire.
«Michele Bastiamante?» domandò. Non sembrava per nulla imbarazzata dall’essere stata sorpresa a imprecare come un carrettiere.
«Sono io.»

Data di pubblicazione:

18 Maggio 2020

Genere:

Contemporary romance

Edizioni:

Self publishing

Di mercoledì

Rebecca Quasi

Directions

Share

È difficile girare l’ultima pagina di un qualsiasi libro di Rebecca Quasi perché tutti ti rapiscono e quando finisci di leggerli è come se il “riscatto” del rapimento fosse stato pagato troppo in fretta. È successo anche con Di mercoledì e adesso mi mancano Michele, Nera, Eugenia, Angelica, Azim e Rodrigo!

Una storia irriverente, contraddistinta dallo stile anticonformista e schietto di questa scrittrice geniale. In questo libro di Rebecca Quasi, si toccano alcuni temi importanti, primo tra tutti il bullismo. Oso dire che il fulcro centrale della storia, ciò da cui tutto è cominciato, è proprio un atto di bullismo subito da Eugenia, la sedicenne figlia di Michele. Il secondo è il difficile rapporto tra un padre separato e una figlia adolescente complicata. Temi sussurrati e raccontanti con rispetto e comicità ma che vanno a bersaglio colpendo il lettore.

Michele, un uomo schivo, colto e affascinante, editore di grande successo si ritrova a ricostruire un rapporto dalle basi con una figlia persa nel tempo e ritrovata dopo la morte dell’ex moglie. Eugenia è una ragazza complicata, problematica, sovrappeso, sgraziata, da lui stesso inizialmente definita allegramente una “piccola damigiana”, e pure antipatica. Quello che non sa, e che scoprirà subito dopo, è che il comportamento di sua figlia ha un motivo serio e grave. Viene bullizzata dai compagni di scuola.

E proprio questo lo porterà al primo incontro con Nera, (anzi col suo fondoschiena!)  preside del liceo frequentato da sua figlia. Nera, sexy da morire, capelli rossi e lunghissimi e due gambe chilometriche, lo convoca urgentemente nel suo ufficio, ammaliandolo all’istante.

“Quando vide arrivare una donna sulla sessantina e sotto il metro e cinquanta, rimase alquanto spiazzato. “venga” disse brusca la signora. Era la preside? Quell’acconto di donna dirigeva un liceo? Zoppicava anche leggermente, il che faceva ondeggiare in modo buffo, la nuvoletta di capelli bianchi che aveva in testa”.

E così, inizia tutto.

Rebecca Quasi utilizza un linguaggio eccentrico, fermo ma semplice, e per questo comprensibile a tutti. Regala prepotenza alla storia di Michele e Nera così piena di sensualità. Di Mercoledì è’ un libro piacevole e scorrevole, descritto con elegante ironia. Un libro che inizi a leggere sorridendo (e quanto bene fa soprattutto in tempi come questo!!!) e quel sorriso te lo porti dietro fino alla fine. I personaggi sono sempre così diretti, curiosi, talvolta apparentemente snob, brevi, concisi nei dialoghi e divertenti. Le conversazioni intriganti.

Un racconto che esplode anche con l’arrivo dei personaggi secondari ma non meno importanti, ognuno con la propria storia raccontata: Angelica, la vicina che lavora da Zara, una svitata pazzesca che avrà la “mission” di trasformare Eugenia e diventerà con poche righe una figura fondamentale del racconto che vedrà l’evolversi del rapporto padre-figlia. E poi ci sono Azim, e il piccolo Rodrigo, adorabile! E Maya!

Una stesura con uno stile “d’altri tempi”, un po’ vintage futuristico, usando parole ormai fuori dal comune con un linguaggio che fa sorridere arricchito di termini molto ricercati. Si comprende un profondo studio di ricerca dei minimi dettagli. Anche solo la scelta dei nomi e cognomi diventa esilarante. I libri di Rebecca Quasi sprigionano energia positiva anche descrivendo situazioni complicate.

“Perché allora non può uscire con me?”

“Bè…non è…Non si fa. Io sono la preside del liceo di sua figlia”.

“Non voglio corromperla. Voglio solo provarci. E non ci sto provando perché è la preside del liceo di mia figlia, ci sto provando perché lei mi piace”.

“Grazie, no”

“Ha esitato. Buon segno.”

“Ho cambiato idea. È ancora valida la sua proposta?”

“Mh…In questo momento sto valutando la preside del classico…”

“E’ un uomo.”

“Bè direi che allora il posto è suo.”

Con tutti i sotterfugi possibili Nera e Michele vi faranno innamorare dei loro “mercoledì”. Tutte avremmo bisogno di un giorno della settimana da dedicare all’amore.

Questa autrice che io ammiro moltissimo vince nei suoi racconti perché racconta la semplicità in un modo così comico che non si può non amarla. I suoi libri infondono anche la speranza che le belle storie d’amore non riguardano solo i giovani. Non c’è un tempo anagrafico per l’amore. E sarà meraviglioso vedere come tutte le vite raccontate si stravolgono in modo rocambolesco per poi ricomporsi e fortificarsi.

Nei ringraziamenti finali di Rebecca Quasi una sua frase mi ha fatto riflettere:

“Un libro non è davvero finito fino a che non passa nei pensieri di qualcun altro. È lì che prende vita sul serio e inizia la sua strada”.

Spero che questo libro entri nei vostri pensieri. Perché questa è una scrittrice sincera coi suoi lettori. La definirei di nicchia ma sarebbe per pochi e invece le auguro di essere conosciuta da tutti. Peccato non riesca a scrivere un libro a settimana!!!!

Indimenticabile

Wanessa

Rebecca Quasi

Segui l’autore   

Acquista il libro: Amazon  | Kobo

(Visited 295 times, 1 visits today)
previous
Vanitiromance Week
next
PRESENTAZIONE: La vertigine che ho di te
previous
Vanitiromance Week
next
PRESENTAZIONE: La vertigine che ho di te

Aggiungi il tuo commento

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto