Cover Reveal: Jan neve di Praga

Categorie: Cover reveal / Erotic Romance Contemporary / Jan neve di Praga / Standalone / Veronica Deanike

0 0
Cover Reveal: Jan neve di Praga

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

Sinossi
In una Praga romantica ma corrotta si consumano passioni effimere come la neve: destinate a dissolversi.
Là dove tutto è solo apparenza, due anime distanti si scontrano in un vortice di emozioni contrastanti che ambisce a qualcosa di più importante. L’amore. Sofia è una giovane ragazza italiana, appena laureata in economia del turismo, che vince un ambito stage nel più lussuoso hotel di Praga. È innocente, pura, ingenua, dolcissima. Jan è un uomo misterioso, affascinante, incredibilmente ricco, ma nel suo passato c’è la miseria più nera. Il destino li farà incontrare, ma la felicità è un bene prezioso che va custodito con impegno. Jan sarà capace di affrontare i suoi demoni? Sofia riuscirà ad accettarlo per ciò che è davvero?
Data di pubblicazione:
23 Dicembre 2019
Genere:
Erotic romance contemporary
Edizioni:
Self Publishing

Sinossi
In una Praga romantica ma corrotta si consumano passioni effimere come la neve: destinate a dissolversi.
Là dove tutto è solo apparenza, due anime distanti si scontrano in un vortice di emozioni contrastanti che ambisce a qualcosa di più importante. L’amore. Sofia è una giovane ragazza italiana, appena laureata in economia del turismo, che vince un ambito stage nel più lussuoso hotel di Praga. È innocente, pura, ingenua, dolcissima. Jan è un uomo misterioso, affascinante, incredibilmente ricco, ma nel suo passato c’è la miseria più nera. Il destino li farà incontrare, ma la felicità è un bene prezioso che va custodito con impegno. Jan sarà capace di affrontare i suoi demoni? Sofia riuscirà ad accettarlo per ciò che è davvero?
Data di pubblicazione:
23 Dicembre 2019
Genere:
Erotic romance contemporary
Edizioni:
Self Publishing

Cover Reveal: Jan neve di Praga

Veronica Deanike

Directions

Share

Data di Pubblicazione 23 Dicembre 2019

Estratto

Lei trema.
LEI trema…
Siamo davanti alla porta della mia fottutissima suite e io non ho il coraggio di aprirla.
“Cosa diavolo mi succede?”
Cerco di persuaderla pronunciando con il mio tono più severo la domanda che sento di doverle fare.
“Sei sicura di voler entrare?”
Lei mi spiazza: è palese che ha paura, questo non è il suo mondo, lo fiuto da lontano, eppure risponde con determinazione.
È timida, ma nonostante tutto ha uno strano cipiglio, quasi altero. È come se fosse incuriosita dai nostri vizi, ma allo stesso tempo ostentasse il fatto di non esserne dipendente. Mi vuole, ne sono certo, ma si sente migliore di me. Me lo dicono i suoi modi da vergine e le parole pulite che escono da quella bocca che io vorrei solo sporcare.
“Fanculo! Tu mi tenti con il tuo odore e io dovrei farti da bambinaia? Non ci siamo proprio, ragazzina. Vuoi giocare? E allora giochiamo”.
Apro la porta, la prendo per mano e la trascino dentro.
“Sei in trappola, non si torna in dietro”.
Mi tolgo la giacca, la butto sul letto e arrotolo le maniche della camicia sugli avambracci.
Sofia mi osserva e si morde il labbro.
“Ti piace quello che vedi, eh?”
I suoi occhi sono grandi, dilatati come quelli di un cerbiatto abbagliato dai fanali.
Ha paura.
È bella, è così bella che…
Le luci sono basse, è tutto in ombra, anche il mio viso, lei mi cerca, io non mi mostro. La tappezzeria rossa, quella che ci circonda, fa sembrare la stanza un bordello di lusso, uno dei primi del secolo. Lei è fuori luogo: ovunque in questo posto. Se fossi meno bastardo la allontanerei da me, ma… non ci penso neanche. La desidero, voglio vedere cosa c’è al di sotto di quello che sembra un grembiulino della scuola d’infanzia.
“Cosa nascondi dietro quell’aria da brava ragazza? Che odore ha la tua pelle? Quale sapore?” Mi siedo sul letto, divarico le gambe e allungo un braccio verso di lei, in una muta richiesta.
Avvicinati a me.
Esegue il mio comando.
È leggera mentre scivola nel buio della stanza, si avvicina e io mi ubriaco nel liquore ambrato dei suoi occhi, troppo dolce, troppo denso per poterci rinunciare; un velluto carezzevole sulla  mia lingua che, adesso, desidera bagnarsi di altri sapori.

Veronica Deanike

Segui l’autore 

(Visited 321 times, 1 visits today)
previous
Blood and roses – Incendio
next
Vanitiromance Week
previous
Blood and roses – Incendio
next
Vanitiromance Week

Aggiungi il tuo commento

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto