Come le cicale in inverno

Categorie: Come le cicale in inverno / Contemporary Romance / Paola Garbarino / Recensione / Second chance romance / self publishing / Standalone

0 0
Come le cicale in inverno

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

Sinossi
Pensavo di essere in un’estate che non sarebbe mai finita, m’illudevo di vivere la vita perfetta senza capire che ero la cicala che canta ma destinata a morire in inverno. Senza comprendere che in una stagione lunga e senza vita mi ero già immerso da solo quando ho sacrificato Enea per il mio alter ego Brando. Quando ho detto sì al mondo dell’Hardcore, quando ti ho sospinta a farne parte trascinandoti nella mia stessa miseria colorata d’oro, ma nera sotto alla patina. Quando ho detto no a ciò che volevi darmi e che avrebbe illuminato quel buio. Che ci avrebbe salvati entrambi. Ho creduto di essere un vincente, anche se avevo dovuto lasciarmi qualcosa indietro.
Invece non sapevo niente, e il vero potere è il tuo, che mi rendi fragile con la tua fragilità.
I protagonisti sono collegati all’opera Baciami prima di andare, ma per leggere questo romanzo non ne è necessaria la lettura.

Data di pubblicazione:

14 Febbraio 2023

Genere:

Contemporary romance

Standalone

Edizioni:

Self Publishing

Sinossi
Pensavo di essere in un’estate che non sarebbe mai finita, m’illudevo di vivere la vita perfetta senza capire che ero la cicala che canta ma destinata a morire in inverno. Senza comprendere che in una stagione lunga e senza vita mi ero già immerso da solo quando ho sacrificato Enea per il mio alter ego Brando. Quando ho detto sì al mondo dell’Hardcore, quando ti ho sospinta a farne parte trascinandoti nella mia stessa miseria colorata d’oro, ma nera sotto alla patina. Quando ho detto no a ciò che volevi darmi e che avrebbe illuminato quel buio. Che ci avrebbe salvati entrambi. Ho creduto di essere un vincente, anche se avevo dovuto lasciarmi qualcosa indietro.
Invece non sapevo niente, e il vero potere è il tuo, che mi rendi fragile con la tua fragilità.
I protagonisti sono collegati all’opera Baciami prima di andare, ma per leggere questo romanzo non ne è necessaria la lettura.

Data di pubblicazione:

14 Febbraio 2023

Genere:

Contemporary romance

Standalone

Edizioni:

Self Publishing

Paola Garbarino
E’ nata a Genova il 30 novembre 1974. Ha studiato Letteratura e Arte e insegnato a lungo nella Scuola pubblica. Ha viaggiato molto e vissuto in Finlandia, Corea del Sud, Inghilterra, Qatar e Canada. Attualmente vive in Italia assieme al marito e alle loro due figlie e sta scrivendo una nuova storia.

Paola Garbarino
E’ nata a Genova il 30 novembre 1974. Ha studiato Letteratura e Arte e insegnato a lungo nella Scuola pubblica. Ha viaggiato molto e vissuto in Finlandia, Corea del Sud, Inghilterra, Qatar e Canada. Attualmente vive in Italia assieme al marito e alle loro due figlie e sta scrivendo una nuova storia.

Come le cicale in inverno

Paola Garbarino

Directions

Share

“Mi baciava con una tale intensità che ne rimasi sorpreso, come se non fosse affatto la prima volta che ci vedevamo, come se fossi un sogno accarezzato a lungo.”

Come le cicale in inverno è dedicato alla storia d’amore di Enea, uno dei protagonisti incontrati in Baciami prima di andare, un meraviglioso libro di Paola Garbarino uscito lo scorso anno. Non è indispensabile aver letto il libro precedente per seguire le dinamiche di questa nuova trama, in quanto l’autrice riprende esattamente le stesse parti dove il nostro Enea interagisce con gli altri protagonisti (per i nostalgici che lo hanno letto, mi riferisco ovviamente a Mina ed Aurelio).

Avendo letto il libro precedente, capisco e condivido la scelta di dedicare un libro ad Enea, un protagonista dall’animo profondo e tormentato, vittima e carnefice della propria vita, perennemente in cerca di “un qualcosa” di cui sente e percepisce la mancanza ma che capirà e raggiungerà solo grazie all’amore puro di Ginevra. Si tratta difatti di un second chance, dove Enea e Ginevra combattono per la maggior parte del libro contro sé stessi ed il mondo per raggiungere l’essenza della felicità.

“Lei era in tutto, ed era in tutto perché era ancora dentro di me”

Non pensiate che il loro percorso avvenga in modo delicato, al contrario questo libro è pieno di sofferenze, rimorsi e cicatrici profonde. Si tratta di un percorso bidirezionale: l’inizio del libro è raccontato come la discesa verso gli inferi, mentre la seconda parte è dedicata alla salita verso la bellezza della vita. I nostri protagonisti vivono due percorsi simili ma li affrontano con un bagaglio composto da sogni e speranze differenti. Se da un lato Enea si sente perduto e trascinato nel buio della vita, dall’altro Ginevra – nonostante le ombre pesanti che la intrappolano – riesce a proteggere la purezza della sua anima.

“Però era quello che aveva dentro agli occhi a essere un mistero. Un oceano azzurro scuro, a volte grigio come durante una tempesta, talvolta limpido come il cielo dopo la pioggia al primo raggio di sole. Aveva occhi mutevoli, Ginevra. E dentro sembrava racchiudere tutto un mondo che serbava con cura. Come se avesse qualcosa di splendido da custodire, da tenere al sicuro.”

Grazie a questa purezza, che traspare dai suoi occhi e trasmette attraverso i gesti, Ginevra riesce ad afferrare Enea e a trascinarlo verso la luce. Leggendo la loro storia, si percepisce come Ginevra, bacio dopo bacio, riesca a scavare lentamente ma in modo incisivo nell’animo perduto di Enea. Come il proverbio latino gutta cavat lapidem, ovvero come una goccia con il tempo, Ginevra riesce ad avere la meglio sulla dura roccia, poiché con la pazienza, la perseveranza (e in questo caso l’amore) si può ottenere qualunque risultato.

“Sollevò il viso posato nell’incavo del mio collo e agganciò il mio sguardo. E quel qualcosa che mi turbava, quel qualcosa che dimorava in fondo ai suoi occhi, mi colpì ancora, forte. Non lo sopportai. Non sopportavo non capire. Non essere padrone di me. Non avere il controllo.”

Per buona parte del libro si percepisce Enea abbandonato in fondo al mare, inerme, statico, arreso a lasciarsi trasportare sempre più giù verso il fondale finché non arriva Ginevra, l’unica in grado di riportarlo in superficie. Tuttavia, non basta arrivare in superficie e riprendere a respirare perché il cammino verso la terraferma è angusto e solo Enea stesso potrà percorrerlo, onda dopo onda, mareggiata dopo mareggiata.

Si tratta di protagonisti rotti dalla vita, le cui scelte, agli albori della giovinezza, sono state dettate soprattutto dalla parte irrazionale, dal loro istinto e impulso, in nome di sogni più grandi di quanto la realtà potesse permettere. Sogni dettati dalla voglia di rivalsa nei confronti di una vita che appariva limitata, priva di amore e sicuramente marcia a causa di scelte altrui. Questi stessi sogni, invece di rappresentare il motore verso cui tendere con determinazione, si sono trasformati in incubi da raggiungere: da un lato la rincorsa verso il denaro, dall’altro il sogno di essere amati. Ambedue i sogni sono stati pesantemente macchiati da un decisivo aspetto in comune: l’assenza dell’amore verso sé stessi. Penso sia questa la chiave di lettura che destabilizza e fa perdere la bussola ai nostri personaggi, pur di raggiungere quello scopo ogni mezzo è stato lecito con la conseguenza di trasformare un sogno lucente e puro in una realtà sporca e buia.

La storia inizia e prosegue con i protagonisti che si spezzano sempre di più, finché non arriva il culmine di sofferenza che segna l’anno zero, il baratro toccato da cui non si può che risalire. C’è tanto spazio dedicato alla risalita, alle sofferenze e al percorso di crescita emotiva, dove Enea e Ginevra riprendono in mano la loro vita giorno dopo giorno, lacrima dopo lacrima. Avrete la sensazione di assistere alla guarigione delle loro innumerevoli ferite, soffrirete per l’intensità del dolore iniziale e potrete finalmente sospirare man mano che le cicatrici diverranno sempre più un lontano ricordo, per lasciare spazio a una corazza colma di forza per tornare a vivere.

Questo libro è fortemente dedicato alla parte introspettiva dei personaggi, ovviamente ci sono anche tanti episodi che scandiscono il ritmo della trama, ma è inevitabile percepire l’intento dell’autrice di portarci a riflettere nella dimensione personale dei protagonisti. A rafforzare questo concetto, emerge la sensazione di avere un occhio di bue, fin dalle prime battute, volto a mostrare tutte le dinamiche scatenanti, l’effetto domino nelle decisioni delle loro vite.

Forse il loro riavvicinarsi mi è apparso fin troppo veloce, avrei preferito un riscoprirsi graduale; tuttavia, capisco anche la scelta dell’autrice in quanto la loro sofferenza li aveva già allontanati pesantemente per tanto tempo.

Un libro profondo e colmo di tematiche che lasciano il segno, perfettamente calato nello stile dell’autrice che crea personaggi tormentati, ingabbiati nelle loro paure, e pagina dopo pagina costruisce il contesto per farli volare verso la libertà e la felicità grazie alla forza indistruttibile dell’amore.

Ilaria

Paola Garbarino

Segui l’autore:      

Acquista il libro: Amazon

(Visited 533 times, 1 visits today)
previous
COVER REVEAL: The Second Match
next
PRESENTAZIONE: Book lovers
previous
COVER REVEAL: The Second Match
next
PRESENTAZIONE: Book lovers

One Comment Hide Comments

Aggiungi il tuo commento


The reCAPTCHA verification period has expired. Please reload the page.