Blake Deshawn – Il cerchio perfetto

Categorie: Blake Deshawn – Il cerchio perfetto / cignonero / Contemporary Romance / Dark Romance / Katherine L. Frye / Recensione

0 0
Blake Deshawn – Il cerchio perfetto

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Nutritional information

Sinossi
La sorte è stata particolarmente generosa con Adrianne Morrison: unica figlia di un facoltoso imprenditore londinese, è bella, ricca e raffinata, ha un fidanzato che la adora e con cui sta organizzando il matrimonio dei suoi sogni. Niente potrebbe incrinare il suo cerchio perfetto.
Ma un pomeriggio, un uomo si introduce in casa sua. Adrianne è sotto la doccia, non si rende conto di nulla. Non sente i passi pesanti che si aggirano per il suo salotto, percorrono il corridoio ed entrano in bagno. Si accorge di lui solo quando la raggiunge sotto il getto dell’acqua.
Non è uno sconosciuto.
Adrianne sa chi è, ha già avuto modo di incontrarlo.
Blake Deshawn ha ventotto anni, il sorriso crudele e lo sguardo magnetico, il volto segnato da una tragedia mai dimenticata e il corpo ricoperto di tatuaggi.
È eccessivo, sregolato, anarchico, abituato a ottenere ciò che vuole, senza preoccuparsi delle conseguenze.
E ha deciso di prendersi Adrianne – quella bionda viziata che nasconde l’attrazione che ha per lui dietro una cortina di disprezzo – nella sua stessa casa, nel luogo in cui si sente al sicuro. Doveva essere solo un colpo di testa, un gesto folle e sconsiderato da dimenticare in fretta. Ma da quel momento, la vita di entrambi cambia, acquista velocità, minaccia di deragliare per schiantarsi in un inferno da cui sarà difficile risalire.
Per Blake, Adrianne è un veleno mai assaggiato prima: potente, incantatore, irrinunciabile. E Blake possiede qualcosa che Adrianne non conosce: la possibilità di vivere fuori dal cerchio perfetto, senza regole, senza paure, senza imposizioni.
Perché Blake Deshawn non giudica. Mai.

Data di pubblicazione:

28 Luglio 2019

Genere:

Contemporary romance

Edizioni:

Cignonero

Collana

Prisma

Sinossi
La sorte è stata particolarmente generosa con Adrianne Morrison: unica figlia di un facoltoso imprenditore londinese, è bella, ricca e raffinata, ha un fidanzato che la adora e con cui sta organizzando il matrimonio dei suoi sogni. Niente potrebbe incrinare il suo cerchio perfetto.
Ma un pomeriggio, un uomo si introduce in casa sua. Adrianne è sotto la doccia, non si rende conto di nulla. Non sente i passi pesanti che si aggirano per il suo salotto, percorrono il corridoio ed entrano in bagno. Si accorge di lui solo quando la raggiunge sotto il getto dell’acqua.
Non è uno sconosciuto.
Adrianne sa chi è, ha già avuto modo di incontrarlo.
Blake Deshawn ha ventotto anni, il sorriso crudele e lo sguardo magnetico, il volto segnato da una tragedia mai dimenticata e il corpo ricoperto di tatuaggi.
È eccessivo, sregolato, anarchico, abituato a ottenere ciò che vuole, senza preoccuparsi delle conseguenze.
E ha deciso di prendersi Adrianne – quella bionda viziata che nasconde l’attrazione che ha per lui dietro una cortina di disprezzo – nella sua stessa casa, nel luogo in cui si sente al sicuro. Doveva essere solo un colpo di testa, un gesto folle e sconsiderato da dimenticare in fretta. Ma da quel momento, la vita di entrambi cambia, acquista velocità, minaccia di deragliare per schiantarsi in un inferno da cui sarà difficile risalire.
Per Blake, Adrianne è un veleno mai assaggiato prima: potente, incantatore, irrinunciabile. E Blake possiede qualcosa che Adrianne non conosce: la possibilità di vivere fuori dal cerchio perfetto, senza regole, senza paure, senza imposizioni.
Perché Blake Deshawn non giudica. Mai.

Data di pubblicazione:

28 Luglio 2019

Genere:

Contemporary romance

Edizioni:

Cignonero

Collana

Prisma

Blake Deshawn – Il cerchio perfetto

Katherine L. Frye

Directions

Share

“Fuori dal cerchio, bionda”

Cosa c’è di più travolgente se non quello che stravolge la vita. Una donna bellissima, ricca, con un uomo perfetto, una casa perfetta, una vita perfetta. Eppure, quegli occhi che sembrano deriderla, quelle mani sporche completamente tatuate, quella voce che sembra evocare il tuono di un temporale in arrivo sono l’emblema di tutto quello che non le appartiene. Il peccato tentatore che invade la sua mente, che avvolge il suo corpo in una strana brama di cui poco prima non ne conosceva l’esistenza, ma che ora l’attira come un gioiello raro. Il mondo incantato di Adrianne così ben costruito da innumerevoli agi, ricchezze e bellezze colorate di tinte tenui, a poco a poco si sporca con i toni più forti dell’inchiostro nero di una esistenza che non aveva mai lontanamente pensato le appartenesse. Quell’infima passione che la travolge come una mantide pronta a iniettarle il veleno più pericoloso, sembra avere il sapore dolce e amaro della sfida, di qualcosa che l’attrae e nello stesso tempo la infastidisce. Un giorno, un uomo sconosciuto di soppiatto entra nella sua doccia, invadendo il suo spazio. Il suo diniego si frantuma fra le labbra, quando quelle mani così sporche la sanno toccare come non aveva mai osato nessuno fare. Sono mani che vogliono disintegrare la porcellana bianca di cui è fatta la sua pelle per sentirne la vera consistenza. Una bocca insaziabile che pretende di voler assaporare il suo corpo come fosse un piatto prelibato. Una brama che la trova impreparata, avvolgendola in una furiosa ricerca del piacere. Lingue che si intrecciano come se volessero danzare all’unisono un ballo che sa di peccato. Un orgasmo che arriva prepotente e li annienta, così velocemente da catapultarli in un altro mondo, in un’altra terra, lontano da tutto.

“Io e lei eravamo completamente diversi. Eppure, eravamo straordinariamente in simbiosi durante quegli amplessi passionali e selvaggi in cui il perfetto e l’imperfetto diventavano un solo e unico corpo, in cui lo sporco delle mie mani, i tatuaggi sulle mie dita e il profumo troppo costoso della sua pelle bianca, creavano l’essenza sublime del peccato e dell’errore.”

Queste sono le uniche parole che racconteranno questa storia. Parole che raccontano l’inizio come un grande colpo di scena. Perché questa storia di colpi di scena ne ha tanti, ma alcuni più di altri sono rimasti nella mia mente e, come un disco inceppato, sono ritornate nella mia quotidianità a invadere i miei spazi. Blake Deshawn è stato un personaggio pericoloso per me, come lo è stato per Adrianne. Un uomo avulso da ogni regola, etica e moralità. Un anarchico che parla di libertà come la madre di tutto. La fautrice dei sogni e di ambizioni con cui ogni individuo ha il diritto di costruirsi la propria vita.

“La libertà è la capacità di scegliere, di autodeterminarsi, imparare a ragionare con equilibrio, giustizia, con coscienza e in piena autonomia e libertà di pensiero.”

Blake è un uomo a cui hanno strappato l’anima e il cuore, ma non si è arreso. Vaga alimentando la sua sete di vendetta e soprattutto di giustizia. Vive nell’oscurità, in luoghi sporchi dove non ci sono regole e dove tutto è permesso. La sua casa è priva di serrature, aperta a tutti, ai suoi amici diventati la sua famiglia, i soli in cui crede. Il resto del mondo che gravita intorno a lui, che si ciba di ricchezze muovendo il vile denaro, è il cerchio perfetto da cui si è allontanato per disprezzarlo con vivo orgoglio. Lui ha deciso di vivere negli eccessi, nelle zone d’ombra, nelle sue regole da uomo libero per combattere contro tutti quei poteri forti che vivono nella falsità e che possono permettersi di invocare le regole, per poi infrangerle con libero arbitrio. Una storia che rispecchia la malvagità dell’individuo nel mietere vittime muovendo le pedine di un sistema corrotto e di potere. Blake è la vittima rimasta in vita che vive con disprezzo, arrabbiato e famelico di giustizia. Quest’uomo è riuscito a sconvolgere tutte le mie certezze, l’ho odiato per la sua spavalderia, per quel modo di prendere la vita e accartocciarla senza rispetto per nessuno, per essersi rubato un pezzo del mio cuore quando sono riuscita a guardarlo dentro e dare un luogo a quell’oscurità che ha avvolto la sua anima. È un uomo febbrile, intenso da cui non riesci ad allontanarti. L’autrice lo racconta in modo spregevole senza giri di parole, lei stessa vorrebbe chiuderlo per farlo soffrire di più. Ma lui è infrangibile, è un uomo vittorioso. Il buio che lo avvolge non è che la solitudine di un destino che si è preso tutto.

“Un animale a tratti ripugnante ma in grado di produrre e tessere con grande maestria i fili di seta fino a farli intersecare perfettamente fra loro, dando vita a un capolavoro.”

Adrianne è la luce che squarcia il buio della sua vita. Una donna che lo intriga per la sua bellezza, ma che vuole sporcare con le sue stesse mani per quel modo patinato e lucido con cui vive. Una donna che ha scoperto la passione travolgendo ogni suo credo, spazzando via i contorni di una vita perfetta. Vaga cercandone una ragione fra lo spegnere quella brama che la trascina e odiare sé stessa per averne così tanto bisogno. Una figura che all’inizio mi sembrava un agnello pronto per essere sbranato dal lupo cattivo. Ma in questa storia nulla è scontato, perché Adrianne apprenderà dal lupo a cadere per poi rialzarsi, imparerà a convivere con le sue non regole, con la pazzia di un uomo inavvicinabile che vive di eccessi, fregandosene perfino della morte. Blake e Adrianne miscelano insieme l’imperfetto con il perfetto, il buio e la luce in una costante sfida che li porterà quasi allo sfinimento. Una guerra fra ragione e pazzia, ossessione e brama, di due mondi così diversi che straordinariamente nei momenti di passione entrano in simbiosi diventando una miscellanea di sentimenti contraddittori, ma veri.

“Ed è stato Blake a insegnarmelo. Mi ha fatto scavalcare i limiti, mi ha lanciata in aria, più lontano possibile, e ho imparato ad atterrare con i piedi dritti, a sopportare il dolore, a rialzarmi e correre senza fermarmi.”

Più volte la parola “salta” viene mistificata dall’autrice come il cambiamento di una vita che nasconde il vero essere sé stessi. Ricercare la vera essenza dell’individuo e non di quello che altri hanno costruito. Adrianne decide di saltare con la forza di chi vede aldilà del buio, dello sporco e del marciume. Dietro un sorriso sghembo di Blake, lei ci vede il suo vero mondo fatto di dolore, di perdite e di sofferenze, ma anche di una dolcezza disarmante nascosta dall’odio. Lei lo cura a sua insaputa, riesce a entrargli dentro in modo viscerale. Una storia complessa dove l’amore sana ma in modo quasi doloroso.  Dove non ci sono rose e fiori, ma parole sporche che bruciano ogni barlume di romanticismo. Ma il cerchio perfetto diventa imperfettamente perfetto quando loro sono insieme e ti emozionano, ti entrano nel cuore. Sono veri, spezzati, diversi. Sono quanto più di perfettamente unito ci sia nella vita. E li ho amati tanto, quasi in modo compulsivo.

Una storia complessa in cui potrete perdervi. La ragione più volte si farà sentire sulle emozioni, ma è questa lotta che fa di Blake Deshawn: Il cerchio perfetto”, un romanzo perfetto. Lo stile di Katherine L. Frye è potente, dinamico, minimale. Non servono parole altisonanti, lei le sa usare nella giusta dose, impregnando la realtà nella sua essenza, senza fronzoli. È schietta quasi in modo esagerato. Ha voluto a volte pigiare l’acceleratore, per rendere frenetici gli eventi, per dargli una certa importanza, senza tralasciarne alcuno. Sono stata investita dalla sua forza e dalla sua potenza, mi ha spinto a saltare da una vita incastrata nelle regole che fanno parte della mia quotidianità, atterrando in un mondo difficile da comprendere fra coloro che sono stonati, emarginati, diversi, sbagliati e solitari. Ma chi dice che sono così diversi da noi, chi può dire che la nostra sia una vita così perfetta. L’amore è un sentimento univoco e sa occupare ogni spazio nel mondo. Adrianne e Blake ne sono l’esempio più calzante, insieme sono stonati eppure sono riusciti a essere così reali da occupare tutte le mie emozioni. Un libro meraviglioso, forse uno di quelli che non riuscirò mai a dimenticare, dovrete anche voi avere il coraggio di uscire dai vostri canonici schemi di vita e saltare nel buio, dove vi assicuro farete un viaggio straordinario.

“Adesso ho la certezza che non è solamente lo sbruffone spavaldo e volgare che si diverte a spingere la sua vita al limite, che osa più di quanto possa, che se ne frega e sfida la morte. Lui è un misto di perdita e di amore, di sofferenza e dolcezza, di euforia e profondità”

Indimenticabile

Tiziana

Katherine L. Frye

Segui l’autore:         

Acquista il libro: Amazon

(Visited 734 times, 1 visits today)
previous
Vanitiromance Week
next
Presentazione: Sotto la cenere
previous
Vanitiromance Week
next
Presentazione: Sotto la cenere

2 Comments Hide Comments

Non facciamoci intrappolare dai dogmi che la società ci impone, e non lasciamo che il rumore delle opinioni altrui offuschi la nostra voce interiore. Seguiamo sempre il nostro cuore solo dentro di lui c’è la risposta a tutto.. Entriamo nel cerchio e spogliamoci del superfluo perché Blake ci porterà in un modo grigio dove niente sarà più come prima.. Parole stupende amica mia recensione che condivido in toto ❤️❤️

 

Aggiungi il tuo commento

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto